7.8 C
Milano
giovedì, 9 Luglio, 2020
No menu items!
Home UE Covid-19. LO STATO DELL’ARTE IN EUROPA

Covid-19. LO STATO DELL’ARTE IN EUROPA

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

Quello che accade in Italia, Decreto governativo dopo Decreto, Ordinanza locale dopo Ordinanza, comportamenti individuali dopo comportamenti, ci è ben noto.

Ben descritto nei suoi tratti distintivi e caratterizzanti da ogni tipo, forma  – e talora anche poca – sostanza dai canali di informazione sparsi nel mondo virtuale e diffusi in quello reale.

Ma cosa sta accadendo fuori dai nostri confini, quei confini mai  come adesso invalicabili e invalicati se non da pochissimi mezzi autorizzati che, liberamente, si possono muovere nelle nostre strade ed al di là, senza ingorghi, file, code…tranquillamente…sfrecciando (entro i limiti, almeno quelli di velocità imposte)?

Facciamoci un tour virtuale e andiamo a curiosare un po’, oltre l’orizzonte…

AUSTRIA

Qua riparte ufficialmente.

Piccoli negozi (con superficie inferiore a 400 mq), self service e vivai sono già con le serrande alzate, mentre dal 1 giorno del mese di maggio gli austriaci potranno tornare a tagliarsi i capelli, magari anche dentro i centri commerciali: è programmata, infatti, la riapertura sia di grandi negozi sia di parrucchieri.

Gelati e caffè si potranno gustare solo da metà maggio, così come sarà possibile ridare vita all’intero settore turistico.

La condizione per tutto ciò: mascherine obbligatorie nei supermercati e nei mezzi pubblici, pena la multa di 25 euro.

SPAGNA

In Spagna è stato concessa la riapertura di tutte quelle attività legate ai due settori di industria ed edilizia.

Sebbene  il Premier Sanchez abbia espressamente dichiarato: “…non siamo ancora nella fase 2, il confinamento continua…(nonostante) l’allentamento delle misure estreme di congelamento dell’economia». 

Anche per gli spagnoli, vige l’obbligo di indossare mascherine.

FRANCIA

La Francia di Macron, secondo le più accreditate fonti mediatiche, sarà “confinata in casa” almeno fino ai primi di maggio, forse anche per l’intero mese.

GERMANIA

In Germania le restrizioni restano in vigore fino al 19 aprile.

Nella giornata di mercoledì è in programma una video-conferenza tra la cancelliera Merkel e i presidenti dei 16 lander per decidere le misure per un lento ritorno alla normalità.

REPUBBLICA CECA

La Repubblica Ceca è stata tra i primi Paesi europei a (ri)muoversi.

Consentite le attività fisiche all’aperto sempre rispettando le distanze di sicurezza.

Alcuni negozi sono stati già riaperti.

Si potrà andare all’estero con validi motivi, ma con l’obbligo di quarantena al rientro

NORVEGIA

Da mercoledì riapriranno asili nido e scuole primarie.

Poi sarà il turno di ristoranti e parrucchieri.

Biblioteche e chiese rimarranno chiuse almeno fino al 10 maggio.

BELGIO E FINLANDIA

Belgio e Finlandia stanno pensando di uscire dalla quarantena quanto prima, ma al momento non è stata fissata una data.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

ultimi articoli

VIDEO PILLOLE GREEN-AMBIENTE, ENERGIA RINNOVABILE E IMPIANTI

VINCENZO MASULLO: Project Sales Engineer, Scrittore, TEDx Speaker, Divulgatore, YouTuber. Proattivamente impegnato contro il cambiamento climatico. Da più di 10 anni opera nel settore delle energie rinnovabili,...

PASTA AL SUGO DI MELANZANE

Si tratta di una salsa  assai originale a base di melanzane, basilico ed olio, per un primo piatto, leggero e semplice da preparare. INGREDIENTI per 4...

AUDI PRESENTA LE PRIME AUTO DI SERIE CON TRE MOTORI ELETTRICI

Un articolo interessante per gli appassionati di auto e gli amanti del green. Buona lettura. L’offensiva elettrica si rafforza anche per la Casa dei Quattro Anelli,...
- Annuncio pubblicitario -