26.3 C
Roma
giovedì, Ottobre 6, 2022
No menu items!
Home IN EVIDENZA Eurovision, i numeri di uno strepitoso successo

Eurovision, i numeri di uno strepitoso successo

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

ROMA – L’Eurovision Song Contest ha portato a Torino e nell’intero Piemonte entusiasmo e tante emozioni. Flash mob, concerti improvvisati ed esibizioni di artisti locali e internazionali seguiti da numerosi fan e turisti, hanno riempito le strade e le piazze, trasformando Torino in un palco a cielo aperto. Eugenio in via di Gioia, Bandakadabra, Citi Zeni (Lettonia), Subwoolfer(Norvegia), The Rasmus (Finlandia) e il corpo di ballo della cantante spagnola Chanel Terrero Martínez, per citarne alcuni, sono tra gli artisti che hanno “usato” le strade di Torino per esibirsi e far divertire il pubblico. Le ricadute positive sul turismo in città – spiega la Regione – sono confermate dalle elaborazioni dei primi dati forniti da un campione di strutture all’Osservatorio Turistico Regionale per il periodo dal primo al 14 maggio a Torino: rispetto allo stesso periodo del 2019, i pernottamenti dall’inizio del mese hanno infatti registrato un incremento del 68 per cento. Molti gli stranieri: oltre il 40 per cento dei movimenti del periodo.

I presentatori Alessandro Cattelan, Laura Pausini e Mika

In occasione di Eurovision song contest, l’Osservatorio di turismo Torino e Provincia (in collaborazione con il dipartimento di Lingue, letterature straniere e culture moderne e Dipartimento management) ha somministrato un questionario qualitativo (6 – 13 maggio) ai turisti in visita a Torino. Dagli oltre 750 questionari raccolti è emerso che: i turisti che sono venuti a Torino per la prima volta sono il 56 per cento; questi visitatori hanno viaggiato in coppia (30 per cento) o con amici/colleghi (27 per cento) utilizzando l’aereo (37 per cento) e il treno (32 per cento) per raggiungere la destinazione. Gli interessi sono principalmente focalizzati sulla musica (20 per cento), sull’enogastronomia (16 per cento) e sulle mostre (15 per cento). La motivazione principale che li ha spinti a venire in città è l’evento Eurovision Song Contest (57 per cento). A livello di provenienza ottimo è il riscontro da parte dei visitatori esteri che rappresentano il 49 per cento in particolare da Gran Bretagna e Francia (12 per cento), Spagna (9 per cento) e Olanda (6 per cento). Per ciò che concerne il soggiorno, la permanenza media si attesta su 3 notti o più (61 per cento ). La città è stata percepita in modo molto positivo: emergono aggettivi che la ritraggono come “bella, elegante” e dagli stranieri come “warm, friendly, surprising, amazing”.

Mahmood e Blanco

Da evidenziare altresì che oltre il 70 per cento dei turisti ha visitato almeno un museo; emergono ai primi posti in particolare Museo egizio, Musei reali, Museo nazionale del cinema, Reggia di Venaria e palazzo Madama. Per concludere, il livello di soddisfazione della vacanza torinese è stato decisamente molto buono, infatti l’88 per cento ha dichiarato di aver avuto un’esperienza positiva e di voler ritornare una seconda volta (90 per cento). Inoltre i canali social utilizzati dagli Enti coinvolti nella promozione dell’evento (Facebook, Twitter ed Instagram) hanno raggiunto un totale di oltre 2.400.000 persone. Sempre in razione all’evento il sito turismotorino.org ha registrato più di 27 mila utenti (+ 135,96 per cento rispetto allo stesso periodo anno precedente) e totalizzato più di 35 mila visite (+146,89 per cento rispetto allo stesso periodo anno precedente).

Kalush Orchestra, vincitrice dell’Eurovision Song Contest

Inoltre, con quasi 350 artisti coinvolti, Eurovision village ha proposto oltre 55 ore di spettacolo in 8 intensissime giornate spaziando tra vari generi e coinvolgendo 20 delegazioni ufficiali di Eurovision song contest. Con una platea di artisti provenienti da 24 diverse nazioni, band che si sono formate o riunite per questa occasione, al Village del Valentino ha visto il passaggio di oltre 220mila persone. Infine, per snocciolare qualche numero, oltre 300 i giornalisti nazionali e internazionali accreditati al Media centre Casa Italia a palazzo Madama; 25 gli artisti presenti agli appuntamenti giornalieri a lori loro dedicati; 45 le degustazioni guidate che hanno coinvolto 25 aziende piemontesi tra Consorzi vitivinicoli e turistici ed Enoteche regionali e 125 aziende torinesi coinvolte dalla Camera di commercio di Torino di cui 30 Maestri del gusto di Torino e Provincia, 25 aziende vitivinicole Torino Doc, 10 Associazioni di categoria. In totale sono state oltre 1.100 le degustazioni servite.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

ultimi articoli

Europarlamento, stop ad auto diesel e benzina dal 2035

STRASBURGO - L'Europarlamento ha avallato la proposta della Commissione europea di terminare le vendite di auto nuove a benzina e diesel nel 2035. L'emendamento...

Concorso canoro “Voglia di cantare”

Scarica qui il regolamento e il modulo di adesione. Gara Karaoke THE 1 ONE

Rama: “Open Balkan più importante con guerra in Ucraina”

TIRANA - La guerra in Ucraina rende l’iniziativa Open Balkan “più importante” nel contesto internazionale e regionale. Lo ha detto il premier albanese, Edi...

Berisha si allea con Meta per battere Rama

TIRANA - L'ex presidente e leader del Partito democratico albanese, Sali Berisha, e il presidente uscente del Paese, Ilir Meta, intendono creare un fronte...
- Annuncio pubblicitario -