23.5 C
Roma
martedì, 3 Agosto, 2021
No menu items!
Home AMBIENTE Cambiamenti climatici, una minaccia anche per il camoscio appenninico

Cambiamenti climatici, una minaccia anche per il camoscio appenninico

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

Una notizia battuta da repubblica.it.

La popolazione ”salvata” dall’estinzione con un progetto durato trent’anni rischia di scomparire entro 50 a causa del riscaldamento globale. Lo sostiene uno studio di Università di Siena e Università di Pavia

Il camoscio appenninico è salvo, ma non per molto. Entro il 2070 la sua popolazione potrebbe subire una forte diminuzione a causa dei cambiamenti climatici, stano a quanto denuncia uno studio pluridecennale (“Climatic changes and the fate of mountain herbivores”) pubblicato su Climatic Change e condotto da Sandro Lovari, Sara Franceschi, Lorenzo Fattorini, Niccolò Fattorini e Francesco Ferretti dell’Università di Siena e da Gianpasquale Chiatante dell’Università di Pavia nell’habitat storico della specie, il Parco nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise. I prossimi 50 anni vedono dunque un rischio di estinzione anche per l’animale che negli anni 90 l’ha scampata grazie al progetto di ripopolamento e di tutela condotto nell’Appennino centrale.

“Le montagne sono habitat fortemente stagionali che richiedono adattamenti speciali per gli animali selvatici che vi abitano – spiegano i ricercatori dell’Università di Siena – La dinamica della popolazione degli erbivori di montagna è in gran parte determinata dalla disponibilità di ricche risorse alimentari per sostenere l’allattamento e lo svezzamento durante l’estate”. L’aumento della temperatura, infatti, “influisce sulla stagionalità e sulla locale qualità nutrizionale delle piante: le specie vegetali adattate a un persistente manto nevoso e che attualmente vivono a quote inferiori sono destinate a spostarsi verso quote più alte, ove queste siano disponibili”.

Un milione di specie a rischio estinzione in tutto il mondo

Sulla base di quanto avvenuto nel corso degli ultimi decenni, dall’inizio del cambio climatico a oggi, il team di ricercatori suggerisce cosa potrà avvenire alle popolazioni di ungulati di montagna sulla base di quanto i cambiamenti climatici avranno alterato la distribuzione e la qualità della vegetazione di alta quota.

Dagli anni Settanta l’aumento delle temperature primaverili (ben 2°C) nell’area di studio, nel cuore dell’areale storico del camoscio nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, ha anticipato di quasi un mese l’inizio della stagione vegetativa nelle praterie d’altitudine più basse, comprese tra 1700 e 2000 metri, e fortemente ridotto la vegetazione pascolabile dal camoscio, influenzando negativamente la sopravvivenza invernale dei piccoli. Inoltre, la compresenza del cervo, ecologicamente competitivo nei confronti del camoscio, e la ricolonizzazione boschiva delle praterie contribuiscono a impoverire ulteriormente le risorse già messe a rischio dal cambio climatico.

“Sulla base delle nostre simulazioni sulle temperature primaverili future e sulla presenza di adeguate risorse alimentari – proseguono i ricercatori – si può prevedere una mortalità invernale dei piccoli di camoscio dal 28 al 95% fino, quindi, alla quasi estinzione entro il 2070 nel nucleo del suo areale storico nel Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise”.

Appare molto probabile che, se il cambio climatico continuerà, lo stesso fenomeno potrà colpire anche altre aree appenniniche dove questi erbivori sono oggi presenti, mettendo nuovamente a serio rischio la sopravvivenza globale di questi camosci, che l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (Iucn) considera già come a rischio di potenziale estinzione.

Fra l’altro, concludono i ricercatori, “il camoscio appenninico è affetto da una variabilità genetica molto ridotta, forse determinata in passato da lunghi periodi vissuti a basso numero, che può renderlo ancor meno capace di reagire a rapidi cambiamenti ambientali rispetto ad altre specie di erbivori di montagna”.

(repubblica.it)

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

ultimi articoli

Le previsioni meteo di venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 luglio 2021

Dal sito dell’Aeronautica Militare VENERDI' 23/07/21 NORD: - CONDIZIONI DI GENERALE VARIABILITA' CON ALTERNANZA DI SPAZI DI SOLE A MOMENTI NUVOLOSI CHE SARANNO ASSOCIATI A LOCALI TEMPORALI A...

AMOREAMARO, il documentario

Da mercoledì 21 luglio su youtube il documentario di Maria Mazzotta - prodotto da Zero Nove Nove nella programmazione Puglia Sounds Producers - che...

Razze Canine: conoscere e riconoscere. CANE DI SAN BERNARDO

CANE DI SAN BERNARDO Molosside – Alpi italo-svizzere Corpo: possente, con petto ampio e profondo e dorso vigoroso. Altezza al garrese: maschio 70 cm (minima); femmina 65...
- Annuncio pubblicitario -