5.5 C
Roma
mercoledì, 19 Gennaio, 2022
No menu items!
Home FOOD Il LAMPREDOTTO: storia e origini dello street food fiorentino

Il LAMPREDOTTO: storia e origini dello street food fiorentino

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

L’origine etimologica del lampredotto è davvero particolare. Fino a pochi anni fa, nel fiume Arno era possibile trovare la lampreda, un tipico pesce d’acqua dolce che, durante il Rinascimento, veniva consumato molto dai nobili fiorentini, che ne andavano pazzi nonostante fosse molto caro. Ovviamente i popolani non potevano permetterselo ma, dovendo far fronte alla fame, consumavano i prodotti di scarto delle carni trattate nei macelli che venivano venduti bolliti a buon mercato lungo le sponde dell’Arno. La parte del manzo che si prediligeva era l’abomaso, ovvero l’ultimo stomaco che aveva delle crespature simili alla lampreda. Da qui nasce il nome “ironico” dato dal popolo al lampredotto, il cibo dei poveri che si contrapponeva al pesce raffinato e caro della nobiltà e del clero.

Una storia antica che affonda le sue radici in usanze e tradizioni popolari antiche che oggi si tramutano in street food anche ricercati e, a volte, resi gourmet grazie alla riscoperta del “quinto quarto” da parte dei più grandi chef italiani. E così la bella Firenze, culla della cultura italiana, ancora una volta ha i riflettori puntati addosso e non smette di stupirci anche se con un piatto povero.

Nei secoli, i fiorentini hanno saputo trasformare questo cibo povero in una vera e propria istituzione della città grazie anche alla presenza capillare nel centro storico dei “lampredottai”, con i loro chioschetti pronti a farvi gustare questa specialità.

Il modo migliore per guastare il lampredotto è dentro il panino toscano. 

Se non avete la fortuna di trovarvi a Firenze e vi è venuta voglia di provarlo, ecco la ricetta per riprodurlo in casa.  

Lampredotto: i migliori indirizzi di Firenze | Dissapore

Ingredienti

  • 1 Lampredotto intero pulito
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 2 pomodori
  • 1 mazzetto piccolo di prezzemolo
  • sale q. b.
  • pepe q. b.
  • 4 panini toscani

Preparazione

La preparazione è davvero molto semplice. 

Tagliamo a metà il gambo di sedano, la carota, i pomodori e la cipolla.

Mettiamo il tutto in una pentola con circa 3 litri di acqua per fare il brodo vegetale e portiamo ad ebollizione.

A questo punto saliamo, immergiamo nel brodo il lampredotto intero, abbassiamo il fuoco e chiudiamo con un coperchio lasciando cuocere per circa 1 ora.

Verso fine cottura, prendiamo i panini e scaldiamoli su una piastra.

Quando la cottura sarà terminata, estraiamo il lampredotto dal suo brodo e con il coltello sminuzziamolo in piccoli pezzi.

Con un mestolo, versiamo un po’ di delizioso brodo di cottura sulla parte superiore dei panini e li farciamo con il lampredotto.

Arricchiamo il delizioso piatto con la classica salsa verde a base di prezzemolo capperi e acciughe.

Eccolo pronto da…addentare. 

(da magazine.lorenzovinci.it)

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

ultimi articoli

Viaggio di solitudine per il commissario Casabona

NAPOLI - “Restituirò tutto alla fine del viaggio, gli sguardi distratti che si lasciarono sfuggire l'essenza delle cose, le parole taciute che non diventeranno...

Internet, i social e i giovani: non è una battaglia persa

Ma è proprio vero che i giovani di oggi sono rapiti da internet, contaminati dall’ignoranza e per di più svuotati di energia? Così sembrerebbe...

Il premier turco Erdogan in Albania: rapporti sempre più stretti

La prima visita ufficiale del 2022 di Recep Tayyip Erdogan è in Albania, dove il primo ministro turco è arrivato all’aeroporto internazionale di Madre...
- Annuncio pubblicitario -