7.8 C
Milano
lunedì, 6 Aprile, 2020
No menu items!
Home AMBIENTE GREENPEACE. ANCHE DALL’ITALIA PARTONO RIFIUTI VERSO LE DISCARICHE ILLEGALI DELLA MALESIA

GREENPEACE. ANCHE DALL’ITALIA PARTONO RIFIUTI VERSO LE DISCARICHE ILLEGALI DELLA MALESIA

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

Il traffico illegale di rifiuti che ha per meta ultima le discariche a cielo aperto della MALESIA riguarderebbe anche l’Italia.

Questa la denuncia dell’Unità Investigativa di Greenpeace Italia, secondo cui quasi la metà (46%) dei rifiuti destinazione Malesia, che si aggira attorno a 2.880 tonnellate, sarebbe trattato in totale assenza di normative per lo smaltimento e quindi nell’illegalità assoluta.

Un traffico illecito che riguarderebbe anche l’Italia, che nei primi mesi del 2019 ha spedito in Malesia oltre 1.300 tonnellate di rifiuti plastici.

GREENPEACE, come leggiamo su rinnovabili.it “Grazie alla collaborazione con il governo di Kuala Lumpur, è entrata in possesso di documenti riservati e contenenti i nomi delle 68 aziende malesi autorizzate a importare e trattare rifiuti in plastica dall’estero. Da qui, l’avvio di un’indagine sul campo, effettuata mediante telecamere nascoste che ha permesso di ottenere testimonianze video da alcune delle aziende malesi disposte a importare illegalmente i nostri rifiuti”.

Pochi mesi fa abbiamo mostrato le drammatiche conseguenze sanitarie e ambientali delle esportazioni di rifiuti in plastica dall’Italia verso la Malesia. Ora, con questa nuova inchiesta, sveliamo le illegalità che si celano dietro questi fenomeni dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace ItaliaSi tratta di una situazione inaccettabile che conferma, ancora una volta, l’inefficacia del sistema di riciclo e la necessità di adottare misure urgenti per ridurre la produzione di quella frazione di plastica, spesso inutile e superflua, rappresentata dall’usa e getta”.

(fonte: rinnovabili.it)

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

ultimi articoli

CORONAVIRUS. LA REGOLA DI 6 SECONDI ANTI-CONTAGIO

Distanza di quasi 2 metri e ridotto tempo di esposizione sarebbero, secondo uno studio pubblicato sul NEW YORK TIMES, le chiavi per evitare il...

LE COCCINELLE PORTAFORTUNA CON RITZ E RICOTTA

Anche questo piatto è dedicato ai più piccoli, che non hanno molto appetito o non gradiscono alcuni alimenti per loro – però – importanti...

L’ITALIA RICONOSCENTE. ANDORA ISSA LA BANDIERA ALBANESE

Andora è un comune ligure, in provincia di Savona, di poco meno di 8.000 abitanti. La sua gente, insieme con quella di LAIGUEGLIA e di...

ALZHEIMER. UN’INFEZIONE POTREBBE ESSERE LA CAUSA

Una ricerca condotta da CASEY LYNCH, dell’azienda farmaceutica californiana CORTEXYME, i cui risultati sono stati resi noti nel gennaio scorso, ha scoperto uno stretto...
- Annuncio pubblicitario -